La manifattura italiana rivede i livelli pre-crisi

Una burocrazia nemica della crescita
marzo 1, 2018
Governo, spread e Borsa: quanta confusione!
maggio 23, 2018

Dopo dodici anni, i ricavi prodotti dall’industria italiana dovrebbero riuscire a tornare sui livelli del periodo precedente alla crisi. Un recente report-analisi elaborato da Intesa Sanpaolo e Prometeia prevede per la manifattura italiana il superamento dei 930 miliardi di euro di fatturato entro la fine del 2019, grazie alla continua crescita dell’export e alla ripresa degli investimenti. 

L’industria italiana ha archiviato un 2017 molto positivo e, anche se la prima parte del 2018 ha mostrato segnali di rallentamento, la crescita poggia su basi solide. La crisi ha ridotto il numero di imprese, ma quelle “sopravvissute” sono mediamente più gradi e hanno mostrato un miglioramento dei livelli di redditività e patrimonializzazione. La manifattura rimane il settore trainante dell’economia italiana e la crisi ha portato a un’evoluzione qualitativa del nostro sistema produttivo, che oggi è più competitivo rispetto al 2007.

Il rimodellamento della base produttiva operato dalla crisi ha portato a un progressivo processo di crescita delle competenze in capo alle risorse umane del settore manifatturiero, con un riposizionamento verso mansioni più qualificate. La valorizzazione del capitale umano appare ancora più importante alla luce della crescente digitalizzazione delle attività: gli investimenti in ICT e in attività immateriali si confermeranno tra le componenti più dinamiche della domanda interna.

Questo conferma ancora una volta come il futuro del nostro Paese non potrà che dipendere dalla preparazione delle giovani generazioni.

 

Stefano Sanna
Stefano Sanna
Laureato in Management degli Intermediari Finanziari presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore | Co-Founder di Hexis Investment Advisory | Terminati gli studi universitari e successivamente a un’esperienza presso una primaria banca italiana, sono entrato nel Gruppo I-Dika e a inizio 2017 ho contribuito a fondare Hexis Investment Advisory, diventando così imprenditore. Un’opportunità che mai avrei pensato mi si sarebbe prospettata a soli 26 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *